Lingua

Promovetro

Cerca nel sito

27/02/2008

Starck sceglie Andromeda



Per il lancio parigiono di Privè, la nuova collezione di imbottiti disegnata per Cassina, Philippe Starck ha voluto stupire anche attraverso l’eterogeneità degli accostamenti: sperimentando un inedito dialogo tra arredi e luci.
Nell’elegante showroom in Boulevard Saint Germain si svolge una storia di sensualità ed energia: le regolari forme della collezione Privè, si esaltano nel contrasto con le silhouettes in vetro di Murano realizzate da Andromeda.
Nuovo atto di una collaborazione che ha visto Andromeda realizzare in questi anni numerosi progetti per l’illuminazione decorativa di importanti hotel firmati dall’architetto francese.
Per questa occasione, Starck ha scelto un modello di Andromeda dalla grande presenza scenica: Pulse, di Massimo Bernardi. Una vera e propria meditazione di luce, in colore nero intenso, capace di stagliarsi con le sue geometrie stellari sulla regolarità degli imbottiti di Privè.

La collezione Privé si compone di chaise longue, divani, morbide poltroncine da boudoir e, come afferma Starck, servirà ad aggiungere un po’ di pepe alla vita domestica. Dalle forme apparentemente basic, in realtà schienali, testate e braccioli sono studiati per facilitare il comfort della coppia. Una collezione pensata per facilitare l’attività sessuale.
Per assecondare l’amore in ogni suo aspetto, luci ed ombre comprese, non c’era forma più adatta dei neri tentacoli di Pulse.