Lingua

Promovetro

Cerca nel sito

Avventurina

L'avventurina è un vetro che venne inventato a murano intorno al 1620 e che presenta immerse nella massa innumerevoli pagliuzze dorate, in realtà minutissimi cristalli di rame poiché è il rame il colorante fondamentale. Il segreto della preparazione dell'avventurina, detenuto nei secoli da pochi esperti vetrai, risiede nell'aggiungere a fusione conclusa, in più riprese opportune quantità di di materie prime riducenti, come battitura di ferro, silicio metallico, carbone, finchè inizia a precipitare il rame metalico. Un adeguato ciclo di raffreddamento, molto lento, del vetro fuso determina la separazione del rame metallico dal vetro di base. La buona qualità dell'avventurina dipende dalla omogeneità della distribuzione dei cristalli di rame e dalle notevoli dimensioni dei cristalli di rame, che possono raggiungere il millimetro nei casi migliori. L'origine del termine avventurina è chiaramente indicata dal vetraio seicentesco giovanni darduin:" la si dimanda venturina, et con ragione, perché sortisse più per ventura che per scientia".

 


  • Art Glass Studio

  • Eugenio Ferro & C. 1929 srl

  • Gambaro e Tagliapietra srl – Murano Glass Studio

  • Seguso Gianni

  • Signoretto Lampadari

  • Vetreria Morasso